Una marcia in più per realizzare progetti di ricerca e innovazione nelle regioni del Mezzogiorno. Si tratta di 62 milioni di euro che Mediocredito Centrale, selezionata dalla Banca Europea per gli Investimenti (BEI) sulla base dell’esperienza consolidata e del know-how acquisito, potrà gestire per l’erogazione di finanziamenti a medio-lungo termine. Sono ammissibili investimenti ad alto contenuto tecnologico, non ancora completati, nelle 12 aree di specializzazione indicata dalla Strategia Nazionale di Specializzazione Intelligente (aerospazio, agrifood, blue growth, chimica verde, design, creatività e made in Italy, energia, fabbrica intelligente, mobilità sostenibile, salute, comunità intelligenti, sicure e inclusive, tecnologie per gli ambienti di vita, tecnologie per il patrimonio culturale), con una particolare attenzione allo sviluppo di tecnologie ad alta intensià di conoscenza (KETs). Possono accedere ai finanziamenti grandi imprese, mid-cap, pmi, Università ed enti di ricerca pubblici e privati. Le condizioni per il finanziamento sono definite in funzione del merito creditizio del progetto e/o soggetto beneficiario.

“MCC, con questa iniziativa, conferma non solo l’impegno a supporto di progetti di ricerca e innovazione, ma avvia, con BEI, un intervento di sviluppo decisamente innovativo che coinvolgerà imprese, Università ed enti di ricerca del Mezzogiorno, sempre più protagonisti di una crescita economica consapevole e produttiva” ha commentato Bernardo Mattarella, Amministratore Delegato di Mediocredito Centrale.