Aperte le iscrizioni per partecipare alla Settimana Italia-Cina della Scienza, della Tecnologia e dell’Innovazione in programma dal 28 al 31 Ottobre  prossimi.

La principale piattaforma italiana di cooperazione con la Cina in ambito scientifico e tecnologico è finalizzata a creare partenariati scientifici, tecnologici e produttivi nei contesti innovativi ricerca-impresa.

Come partecipare
Possono partecipare alla Settimana dell’innovazione le imprese e tutti i soggetti pubblici e privati (centri di ricerca, università, cluster tecnologici nazionali, imprese e start-up, distretti innovativi, parchi scientifici e tecnologici, associazioni di categoria, etc.) con una sede in Italia, attivi nell’innovazione di prodotto e processo o nella ricerca scientifica e tecnologica, e che hanno interesse a confrontarsi con potenziali clienti o partner della Repubblica Popolare Cinese.

La call di partecipazione promuove l’adesione per la partecipazione italiana agli eventi e alle attività in programma. Particolare attenzione è rivolta agli incontri One-to-One per per permettere ai partecipanti di proporsi sul mercato cinese o verificare le opportunità di scambio segnalate dalle imprese, centri di ricerca ed enti cinesi.

Si ricorda agli associati che la partecipazione alla manifestazione, agli incontri One-to-One e alle sessioni di lavoro è gratuita ma è subordinata alla compilazione del modulo di registrazione e alla successiva conferma da parte dell’organizzazione.

La data di scadenza per l’iscrizione alla manifestazione è fissata al 31 luglio 2019 per chi vuole proporre un intervento nei seminari tematici, mentre le iscrizioni per coloro che sono interessati a partecipare agli incontri one-to-one fino al 27 settembre 2019.

Gli iscritti alla manifestazione avranno diritto a:
• Utilizzo della piattaforma di matching;
• Partecipazione agli incontri One-to-One che si svolgeranno in Cina, sulla base di un’attività preliminare di matching realizzata da Città della Scienza e dai partner cinesi con relativo inserimento nel catalogo della manifestazione;
• Servizi di interpretariato italiano/cinese durante gli incontri One-to-One programmati e le sessioni di lavoro;
• Partecipazione ai tavoli settoriali, ai seminari e ai workshop che saranno definiti dall’organizzazione di Città della Scienza sulla base delle esigenze rilevate;
• Servizi di assistenza tecnica e logistica in loco.

Il programma

Gli eventi  principali si terranno nelle città di Pechino e di Jinan, secondo il consueto format per favore il networking e matchmaking:
– Seminari, workshop e tavole rotonde sulle tematiche di rilevanza per i rispettivi
Paesi nelle aree geografiche di appartenenza come enunciato nel Piano d’Azione
Italia-Cina per la S&T
– Incontri one-to-one tra università, enti e aziende italiane e cinesi
– Visite a centri di eccellenza cinesi

Il programma giorno per giorno prevede:
28 Ottobre, Pechino > Sino-Italian Exchange Event
29 Ottobre, Pechino > China-Italy Innovation Forum, Decimo anniversario
alla presenza dei Ministri Marco Bussetti e Wang Zhigang,
30 Ottobre, Pechino > Visite a Poli di Innovazione e Centri di Eccellenza
31 Ottobre, Jinan > Focus Territoriale
1 Novembre, Jinan > Post event

In occasione della manifestazione si svolgeranno inoltre le finali della Best Start-up Showcase Entrepreneurship Competition che ha visto dall’inizio dell’anno 90 startup impegnate in un percorso selettivo di esplorazione del contesto cinese.

I promotori

La Settimana è promossa in Italia dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca–MIUR in sinergia con il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale-MAECI, dalla Regione Campania per il SIEE, ed è coordinata dalla Città della Scienza di Napoli, in collaborazione con il Consiglio Nazionale delle Ricerche–CNR, Confindustria, i Cluster Tecnologici Nazionali, le principali Università e Centri di Ricerca Italiani.

Da parte cinese, il programma è promosso dal Ministero della Scienza e della Tecnologia– MOST e organizzato dal Beijing Municipal S&T Commission–BMSTC, ente emanazione del MOST, oltre che dal Beijing Association for Science and Technology–BAST per il SIEE, a sua volta membro della Chinese Association for Science and Technology – CAST e da altri importanti enti cinesi.