Arisk srl, spin-off universitario del Politecnico di Torino, è diventato Associate Member del MPAI (Moving Picture, Audio and Data Coding by Artificial Intelligence), nuova organizzazione internazionale dedicata agli standard di compressione dei dati basati sull’intelligenza artificiale.

L’obiettivo di MPAI, organizzazione no-profit,  è sviluppare con il supporto di esperti dell’industria e del mondo accademico nuovi standard per l’applicazione dell’intelligenza artificiale alla compressione dati, in modo da favorirne l’utilizzo in business case di ambiti differenti delle funzioni finora prettamente riconducibili al contesto audio e video.

Uno di questi business case è quello presentato da Arisk denominato “Compression and understanding of industrial data” (MPAI-CUI), che ha recentemente ottenuto l’approvazione dallo stato di use case allo stadio di functional requirement.

MPAI-CUI ha l’obiettivo di utilizzare l’intelligenza artificiale per ridurre la quantità di dati ed informazioni, estraendo quelli più rilevanti nell’ambito industriale, per supportare le aziende stesse o altri enti (ad esempio gli istituti finanziari e le banche) nell’assessment delle performance aziendali (finanziarie, organizzative e l’impatto di rischi verticali) individuando tempestivamente il rischio di business interruption.

MPAI è stata fondata recentemente a Ginevra da Leonardo Chiariglione, imprenditore torinese che ha creato insieme a Hiroshi Yasuda, MPEG, il gruppo internazionale di esperti che ha prodotto  gli standard audio video che conosciuto come MP3.