Il Cluster Trasporti ha partecipato al settimo forum Smart Mobility Summit 2019 a Tel Aviv.  Ospitato dal Primo Ministro israeliano e sostenuto dai Ministeri dell’Innovazione Tecnologica e dello Sviluppo Economico del governo Israeliano, il forum ha favorito un dialogo sugli approcci più lungimiranti nel mondo dei trasporti, dalle tecnologie ai nuovi carburanti per una mobilità intelligente e sostenibile.

Nato per promuovere l’ambizioso obiettivo di Israele di ridurre il 60% del consumo di petrolio del paese entro il 2025, l’evento ha promosso tre modalità di interazione tra i partecipanti: Eventi/Seminari, B2B meeting con Start-Up selezionate, Networking&Incontri Istituzionali.

A rappresentare il cluster Enrico Pisino, Presidente del Cluster Tecnologico Nazionale Trasporti, Vincenzo Poerio, Presidente del Distretto nautica e portualità toscana e Pietro Angelini Direttore Navigo Scarl. Presenti poi le più importanti aziende dell’Automotive che hanno tenuto interessanti seminari, tra cui Skoda rappresentata da Bernhard Maier,Hyundai rappresentata da Albert Biermann e Ducati rappresentata da Pierluigi Zampieri. Tra le industrie italiane presenti Enel X e FPT Industrial per l’Electrification.

La partecipazione del Cluster

Il team del Cluster ha incontrato oltre 25 start up, i B2B sono stati condotti grazie al coordinamento di Marco Macchi (Commercial & Investment Office – Embassy of Israel) e all’importante attività di networking e scouting di FCA. Gli incontri hanno contribuito ad avviare i contatti con interessanti start up in diversi ambiti della Mobilità sostenibile (Cyber security, Electrification, Digital tools, Sensori per ADAS e guida autonoma, etc.) e alcuni Venture Capitalist che operano in più ecosistemi (Israele, Singapore, Cina, Silicon Valley).

Svolto poi un meeting con l’Israel Innovation Authority (Avi Luvton – VP International division) in cui si è discussa una proposta per garantire il supporto finanziario alle attività delle start up israeliane.

Tra gli incontri istituzionali più importanti c’è stato poi quello con l’Ambasciatore italiano ad Israele Gianluigi Benedetti, che ha rinnovato la sua disponibilità nel favorire la collaborazione Italia-Israele.  

Il Presidente Pisino a margine dell’evento ha espresso piena soddisfazione. “La dinamicità dei meeting B2B, l’elevato livello dei partecipanti ai panels e la partecipazione dei principali ecosistemi internazionali della mobilità (Singapore, US, China, etc.) fanno di questo Summit certamente uno dei più importanti eventi al mondo dedicati al tema della Mobilità Sostenibile. L’interlocuzione con gli attori di questo ecosistema consente di essere continuamente aggiornati in merito alle nuove tecnologie e best practices”.

Partnership Italo-Israeliana

Il summit è stato l’occasione per valutare la possibilità di avviare una partnership con Israele, che punta alla leadership internazionale nel campo della Mobilità Sostenibile. “Sarà nostra cura – ha continuato Pisino – procedere con il dialogo con l’Autority per l’Innovazione Israeliana affinché possa strutturarsi una partnership che favorisca la fattiva collaborazione Italo-Israeliana sul fronte della Ricerca e Innovazione per una Mobilità Sostenibile e lo sviluppo del business (Industria e Servizi). Tale partnership ci consentirà sia di poter aggiornare le roadmaps in real time sia di favorire una collaborazione concreta attraverso la definizione di progetti comuni di ricerca e innovazione che coinvolgano i nostri consorziati e le migliori realtà israeliane rappresentate innanzitutto da Start up outstanding”.

“La nautica – ha affermato Pietro Angelini – può essere un ottimo strumento di sperimentazione e di diversificazione di mercato delle tecnologie della Smart mobility, accordabili nelle aree delle nuove energie di propulsione, delle automazioni, dei sistemi di controllo, dello sharing di dati, della connettività e dell’integrazione di piattaforme e sistemi intelligenti iot. Lavoreremo al prossimo programma bilaterale ricerca e sviluppo Italia Israele grazie al prezioso supporto delle ambasciate aggiungendo, per i soggetti toscani che vogliono intraprendere un percorso di internazionalizzazione, anche gli strumenti dedicati da Regione Toscana. Via alle idee, un anno per misurare il primo step”.

Tecnologie per la nautica

Lo Smart Mobility ha offerto spunti di riflessione interessanti in merito alle tecnologie presentate, dedicate soprattutto alla mobilità via terra ma che potrebbero presto diventare centrali anche in quella via mare.

“Vogliamo lavorare per trasferire e adattare alcune tecnologie già presenti in ambito automotive in ambito navale e in particolare yachting che può essere uno straordinario strumento di connettività dei popoli del mediterraneo – ha commentato Vincenzo Poerio-. Muovendo le unità da diporto nel mare nostrum, si favorisce la conoscenza e la scoperta, lo sviluppo della portualità e anche l’acquisto di mezzo innovativi naviganti e sostenibili. Spingeremo su questa linea anche nel prossimo Versilia yachting rendez vous in programma dal 28 al 31 maggio 2020 a Viareggio”.