La Cabina di Regia del MISE ha comunicato ufficialmente alla Commissione europea l’elenco dei Poli per l’innovazione digitale ritenuti idonei a partecipare alla call ristretta europea degli European Digital Innovation Hubs: l’EDIH Abruzzo e Molise è nell’elenco nazionale dei 45 progetti che entreranno nella seconda fase di selezione che avverrà in sede europea.

Giunge così a una svolta importante la partita degli EDIH, i poli d’innovazione digitale che dovranno assicurare la transizione digitale dell’industria, con particolare riferimento alle PMI, e della pubblica amministrazione attraverso l’adozione delle tecnologie digitali avanzate, con particolare focalizzazione su Intelligenza Artificiale, High Performance Computing e Cyber Security.

La proposta per la realizzazione del Polo Digitale denominato “European Digital Innovation Hub Abruzzo e Molise – EDIH AMo” è stata condivisa da una compagine costituita da 23 soggetti: Università degli Studi dell’Aquila, Università degli Studi di Chieti-Pescara, Università degli Studi di Teramo, GSSI – Gran Sasso Science Institute, LNGS – Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, Digital Innovation Hub Abruzzo – MATCH4.0, Polo Innovazione Automotive – IAM, Polo Innovazione Scienze delle Vita – Capitank, Polo Innovazione ICT/Aerospazio, Polo di Innovazione Legno Mobile – PALM, Polo di Innovazione Agrifood – AGIRE, Polo di Innovazione Moda/Design – Moda Inn, Azienda speciale della Camera di commercio Chieti Pescara, Confindustria Abruzzo, Confindustria Molise CNA Abruzzo e CNA Molise, Confartigianato Abruzzo, ARAP Azienda Regionale Attività Produttive, ITS Meccanica, ITS Moda, ITS Mobilità Sostenibile, ITS Agroalimentare, ITS Efficienza Energetica.
Si tratta di una partnership rappresentativa delle competenze regionali in materia di Industry 4.0 adeguata per affrontare la successiva call europea prevista nei primi mesi del 2021.

I soggetti prescelti avranno ora diritto a partecipare alla vera e propria “call” ristretta europea che, nei primi mesi del nuovo anno, sarà finalizzata alla selezione dei poli d’innovazione digitale (per l’Italia dovrebbero essere un numero compreso tra 14 e 28) che faranno parte della rete degli European Digital Innovation Hubs.

La sfida consiste nel costituire la vera e propria “porta” di accesso per le imprese al mondo di Industria 4.0 perché mette a loro disposizione, direttamente o attraverso partner selezionati, servizi per introdurre tecnologie 4.0, sviluppare progetti di trasformazione digitale, accedere all’ecosistema dell’innovazione a livello regionale, nazionale ed europeo.
Ciò attraverso una struttura diffusa sul territorio regionale per facilitare la trasformazione digitale dei processi produttivi, in particolare delle PMI.
Le aree strategiche prioritarie sulle quali orientare le attività del EDIH Abruzzo-Molise sono: Agrifood, Automotive-Meccatronica, Scienze della Vita, ICT/aerospazio e Moda-Design e particolare attenzione sarà rivolta anche alle tematiche ambientali e all’economia circolare.

Il progetto dei poli di innovazione digitale europei rientra nell’ambito del Digital Europe Programme, il programma per la digitalizzazione al quale l’Europa ha destinato oltre 7,5 miliardi del suo prossimo bilancio pluriennale per il periodo 2021 – 2027. Le risorse stanziate per gli Edih sono 900 milioni.