“Il nostro settore, quello degli operatori per il Trasporto di merci e persone, è stato sempre essenziale per tutto il processo produttivo italiano. Ed oggi, con l’emergenza sanitaria da Coronavirus, lo è ancor di più e sta dimostrando un grande senso di responsabilità, evitando la paralisi del Paese”, così in una nota il CDA, Alfonso Di Fonzo, Antonio Di Cosimo, Nicola D’Arcangelo, Stefano Garraffo, Stefano Sulli, di Polo INOLTRA.

“Quotidianamente riforniamo ospedali, farmacie, supermercati, di beni essenziali e di primaria necessità. I nostri conducenti assicurano – continuano – la mobilità a tutti coloro che necessitano di spostamenti per lavoro o per motivi di salute, senza dimenticare quelli che operano nelle retrovie come i magazzinieri, gli operatori d’ufficio, i manutentori dei mezzi. A loro, il Polo INOLTRA esprime un grande ringraziamento, “eroi” sulle strade che sfidano il pericolo del virus per il bene della collettività”.

Il Polo evidenzia anche come “il personale del settore sia costretto a lavorare molto spesso senza i dispositivi di sicurezza, in situazioni a rischio quali la consegna di merci nelle “zone rosse” o presso gli Ospedali. I nostri Operatori chiedono, pertanto, di essere inseriti tra i circuiti preferenziali della Protezione Civile per il reperimento dei DPI”.

“Pur apprezzando lo sforzo del Governo nazionale e di quello regionale sui temi finanziari, contributivi e fiscali, il settore Logistica e Trasporto – sottolineano – avverte la forte necessità di essere inserito tra i beneficiari della prossima legge regionale sulle Misure straordinarie ed urgenti per l’economia e l’occupazione abruzzese”.

Il Polo Inoltra esprime, infine, a nome della categoria, un grazie speciale a tutto il personale che facilita il nostro lavoro e opera per il bene comune, in particolare per il settore Sanitario e le Forze dell’Ordine. 

Qui disponibile la video intervista.