Nasce Processes4Planets, la nuova partnership di Horizon Europe per guidare l’industria verso un futuro climaticamente neutro.  

È una delle 40 partnership nell’ambito di Horizon Europe, ed è il successore naturale del partenariato pubblico-privato di Horizon 2020 Sustainable Process Industry through Resource and Energy Efficiency (SPIRE).

Nell’ambito del programma UE per la ricerca e l’innovazione dal 2021, la partnership svilupperà tecnologie che consentano l’elettrificazione, l’uso dell’idrogeno verde e la cattura della CO2, tra gli altri, per aiutare le industrie ad alta intensità energetica e inquinanti come la produzione di petrolio, cemento, alluminio e carta a diventare neutre dal punto di vista climatico e sostenibili.

Prevista anche la creazione di Hubs for Circularity per connettere le regioni europee al fine di realizzare modelli di business circolari e aumentare la competitività europea sui mercati mondiali.

La proposta per il partenariato è completa. Ora la Commissione europea dovrà verificare se i criteri di selezione sono soddisfatti. I dettagli completi sul funzionamento del partenariato saranno confermati una volta chiusi i negoziati sul bilancio europeo e, nello specifico, sul programma Horizon Europe. Processes4Planets stimava di ottenere 1 miliardo e mezzo di finanziamenti da Horizon Europe, ma il recente accordo sul quadro finanziario pluriennale, con finanziamenti inferiori al previsto per la ricerca, fa supporre che la quota destinata alla partnership potrebbe essere inferiore.