Gli obiettivi di sostenibilità di Alstom relativi alla riduzione delle emissioni, sono stati approvati  dall’iniziativa Science Based Targets (SBTi) poiché sono risultati coerenti con il target definito dall’accordo di Parigi.

Gli standard relativi alle emissioni di gas a effetto serra definiti da Alstom sono coerenti con le riduzioni necessarie per mantenere il riscaldamento a 1,5 ° C, l’obiettivo più ambizioso dell’accordo.

L’iniziativa Science Based Targets – che nasce dalla collaborazione tra CDP, United Nations Global Compact, World Resources Institute (WRI) e World-Wide Fund for Nature (WWF) – definisce e promuove le migliori pratiche da adottare su base scientifica per raggiungere gli obiettivi di riduzione delle emissioni definiti a Parigi: limitare il riscaldamento globale ben al di sotto dei 2 ° C rispetto ai livelli preindustriali e limitare il riscaldamento a 1,5 ° C.

La transizione energetica e la decarbonizzazione nei trasporti sono al centro di tutto ciò che facciamo in Alstom. La recente conferma da parte di SBTi dimostra che il nostro impegno è forte e costante quando si tratta di sfide energetiche e climatiche a lungo termine”, ha affermato Cecile Texier Sustainability & CSR Vice President di Alstom.

Alstom si impegna a ridurre le emissioni assolute di gas serra di ambito 1 e 2 del 25% entro il 2025 (rispetto al 2019); per le emissioni di ambito 3 l’impegno arriva alla riduzione del 35% per passeggero-km entro il 2030.

La strategia Alstom in Motion fissa obiettivi ambientali ambiziosi per il 2025, prevedendo una riduzione del 25% del consumo energetico (rispetto al 2014) con l’incremento dell’uso di fonti rinnovabili e soluzioni innovative ecologiche.