EIT InnoEnergy, il principale motore per l’innovazione e l’imprenditorialità nell’energia sostenibile in Europa, ha lanciato il Centro europeo di accelerazione dell’idrogeno verde (EGHAC), uno sforzo senza precedenti per sostenere lo sviluppo di un’economia dell’idrogeno verde da 100 miliardi di euro all’anno entro il 2025. L’iniziativa è supportata da Breakthrough Energy, una rete fondata dai principali leader mondiali in ambito tecnologico e aziendale per accelerare la transizione verso un futuro di energia pulita.

Tra le priorità più urgenti c’è quella di colmare le differenze tariffarie tra le tecnologie che emettono carbonio e l’idrogeno verde, che porterebbe a un sostanziale spostamento degli idrocarburi nelle applicazioni industriali ad alta intensità energetica (cioè acciaio, cemento, prodotti chimici), trasporti pesanti e fertilizzanti. L’idrogeno verde può anche essere utilizzato per immagazzinare energia, il che lo rende un fattore chiave per l’espansione delle fonti rinnovabili volatili, in particolare l’energia eolica e solare.

“La commercializzazione dell’idrogeno verde è assolutamente vitale se l’Europa vuole raggiungere i suoi ambiziosi obiettivi di diventare il primo continente a emissioni zero entro il 2050 – ha dichiarato Jacob Ruiter, Membro del consiglio di amministrazione di EIT InnoEnergy –. Molto semplicemente, non c’è modo migliore per decarbonizzare l’industria pesante e il trasporto pesante, e può anche svolgere un ruolo significativo nel supportare la flessibilità della rete attraverso lo stoccaggio”.

EGHAC sarà a impegnato a gestire diversi percorsi di lavoro, tra cui: promozione e co-creazione di progetti industriali lungo la catena del valore; costruzione di connessioni con altre catene del valore industriale ed energetico; accelerazione dello sviluppo tecnologico; stimolazione della crescita del mercato; accettazione sociale; affrontare le lacune di competenze.
EIT InnoEnergy porta la preziosa esperienza della European Battery Alliance (EBA), che è diventata un modello di grande successo per lo sviluppo di catene di valore industriali specializzate in Europa, e sta operando al centro della transizione energetica, portando innovatori, imprenditori, investitori e altri stakeholder chiave attorno al tavolo per raggiungere un obiettivo molto ambizioso.

“Il Green Deal dell’Unione europea è il trampolino di lancio perfetto per il Centro europeo di accelerazione dell’idrogeno verde – ha dichiarato Ann Mettler, Senior Director presso Breakthrough Energy –. Basandosi sullo slancio politico, il Centro utilizzerà l’idrogeno verde come motore per la decarbonizzazione dell’industria europea. In questo contesto, creerà una pipeline di progetti pionieristici su larga scala, lancerà una nuova generazione di partenariati pubblico-privato e accelererà la velocità di consegna da mega a gigawatt”.